Archivi tag: novità salone del mobile

FTK Eurocucina SALONE DEL MOBILE 2018 DAL 17 ALL 22 APRILE

FTK  Eurocucina  SALONE DEL MOBILE 2018 DAL 17 ALL 22 APRILE La 22. edizione di Eurocucina  padiglioni 9-11 e 13-15, su più di 21.000 mq della Fiera Milano – Rho

iniziamo il nostro giro nei padiglioni con Elica e il gruppo Candy… iniziamo a testa in giù!!!

CAPOVOLGIAMOIL VOSTRO PUNTO DI VISTA SULLA CUCINA Parola di Elica

Cappa e piano cottura Elica NicolaTesla

Cappa e piano cottura Elica NicolaTesla

Acquista i prodotti Elica da Domus arredi via Pascoli 39 Lissone www.domusarredilissone.it

Con uno stand di oltre 1200 mq il Gruppo Candy (Candy, Hoover, Rosières )  sarà ancora una volta protagonista di FTK – Technology For the Kitchen, dedicata agli elettrodomestici da incasso e alla loro evoluzione,

forno hovver keepheat

Per quanto riguarda Hoover verrà presentato a FTK  “Keepheat”, il primo forno in grado di conservare i cibi al caldo.
Grazie alla rivoluzionaria tecnologia ExeverTM, Keepheat cuoce e conserva il cibo al caldo, mantenendolo gustoso e pronto per essere consumato in qualsiasi momento.
Grazie all’utilizzo di questa innovativa tecnologia, Keepheat introduce inoltre un sistema di cottura delle pietanze a bassa temperatura, una tecnica utilizzata nelle cucine professionali, estremamente delicata e perfetta per ottenere cibi teneri e appetitosi. Keepheat è in grado di cuocere i cibi e di conservarli a 62 o a 70 gradi, a seconda del tipo di alimento; le proprietà nutritive a queste temperature restano inalterate e la pietanza è sempre pronta per essere servita senza doverla riscaldare.
Tramite la App personalizzata Wizard App sarà poi possibile accedere ad un ricettario dotato di una vasta selezione di piatti, idee e soluzioni, oltre ad avere la possibilità di gestire e monitorare il forno da remoto.
Sviluppato e realizzato completamente nei laboratori R&D di Candy Group, Keepheat sarà distribuito nei mercati europei a metà del 2019.

Fendi Cucine

Sarà presentato ad Eurocucina 2018 il neonato brand Fendi Cucine, nato dalla partnership tra la griffe dell’haute couture Fendi e il top brand cucine Scic ,proponendo la nuova collezione Cucine Home Professional, linea d’arredo di super-lusso, dal carattere professionale e al contempo domestico, disegnata dall’architetto Marco Costanzi.

I modelli saranno visibili in anteprima al Salone di Eurocucina (HALL 09 – stand C01 – D04) e nelle location del Fendi Showroom, in via Solari 35, e dello Showroom Scic, in via Durini 19. Entrambi i modelli cucina sono già ordinabili contattando l’headquarter di Scic in Parma

Continueremo il nostro viaggio all’interno dei padiglioni della fiera di Milano/Rho nei prossimi giorni… Segnatevi l’appuntamento con le novità Salone del mobile 2018 di Veneta Cucine

Calligaris al salone del mobile 2010… “una Montagna di idee”

P1000470.JPG
 
Sedie accatastate a formare montagne… ma idee ben chiare, come sempre, allo stand Calligaris al Salone del mobile 2010.
belli, competitivi, giovani i prodotti a marchio Calligaris
P1000469.JPG
Sempre più bella e colorata la sedia Wien
P1000474.JPG
Pratici gli oggetti da utilizzare sia come arredo interni che arredo terrazzi e giardini.
 
 
 
Per i prodotti Calligaris chiedi il tuo preventivo personalizzato a:
Copia di domus arredi lissone milano.jpg
Domus Arredi Via Pascoli 39 20035 Lissone (Milano) tel 039794790
 
info e preventivi: info@domusarredilissone.it
 

kartell spegne 60 candeline e al salone del mobile 2009 si dimostra tra le più giovani, divertenti, affascinanti

quell’aria sbarazzina ed intelligente..  così giovane, divertente e colorata che si fatica a crederlo, eppure è proprio così: Kartell  ha compiuto 60 anni.Un anniversario da celebrare, perchè la longevità è di per sé prova che in un’impresa e nei suoi prodotti ci sono contenuti di valore che hanno saputo esprimersi nel tempo.  Perché Kartell marchio tutto italiano rappresenta un caso particolare del nostro arredamento di qualità. Una realtà industriale, fatta di grandi numeri, grandi firme, prezzi accessibili, alto design.

La nascita di Kartell  è nel 1949, ovvero agli albori del design di arredamento italiano, segnato dall’arrivo di cose straordinarie: straordinari architetti – allora non si chiamavano designer – ma anche straordinari materiali, come i poliuretani e materiali plastici dietro cui c’erano industrie come Pirelli e Montedison. Non sembra un caso che Giulio Castelli, il fondatore di Kartell, fosse un ingegnere chimico. Tra i primi oggetti del museo Kartell ci sono un portasci in gomma  e uno dei primi secchi in polipropilene.  Oggetti di qualità, in materiali innovativi e ben disegnati. Alle origini di Kartell ci sono tecnologia, innovazione e grandi designer: Ettore Sottsass, Gae Aulenti e Anna Ferrieri.  Negli anni Sessanta Kartell aveva cominciato a esportare: Svizzera, Giappone, Stati Uniti, questo gli ha dato una dimensione internazionale che ha avuto il suo punto più alto nella mostra del Moma di New York dedicata al made in Italy. Dopo la battuta di arresto degli anni 80, Kartell torna a nuova vita ancora più forte, grazie alle iniezioni di know-how direttamente dal mondo della moda. E’ l’esperienza della nuova proprietà che darà nuovo slancio ai prodotti e al marchio.
Negli anni 90 la  relazione con i creativi si eleva ancora di più ; un nome per tutti Philippe Starck.
«Un incontro fondamentale. Si iniziò con con una sedia che confermò che si poteva fare un prodotto totalmente diverso da quello che c’era sul mercato; furono abbinati una gamba di ferro e il polipropilene. nasce La sedia, Dr Glob, è entrata subito nei negozi che contavano. Questo spirito, questo modo di lavorare in cui ci si confronta e si prova insieme a migliorare il progetto di partenza ha ispirato il lavoro di Kartell Dalla collaborazione con Antonio Citterio è nato per esempio Battista, un carrello che coniugava alluminio pressofuso e plastica verniciata. Ed ancora Vico Magistretti Un personaggio straordinario, con lui kartell continua il suo cammino verso il successo. ed Eccoci arrivata all’altro ieri e alle nuove proposte del salone del mobile 2009. Vi presentiamo una cardi foto e nei prossimi giorni… analizzeremo prodotto per prodotto, elencheremo i colori  disponibili per ogni modello.
 
LE NUOVE PROPOSTE DEL SALONE 2009
lampada cindy kartell domus arredi.jpg
 
 
KARTELL LAMPADA CINDY FERRUCCIO LAVIANI
spoon table kartell domus arredi.jpg
KARTELL SPOON TABLE  ANTONIO CITTERIO
 
tatì kartell lampada domus arredi.jpg
KARTELL LAMPADA TATì  FERRUCCIO LAVIANI
 
papyrus sedia kartell domus arredi.jpg
KARTELL PAPYRUS RONAN & ERWAN BOUROULLEC
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
MAGGIORI INFORMAZIONI PRESSO
DOMUS ARREDI VIA PASCOLI 39 LISSONE TEL 039794790
 

bianco, tortora, ecrù, grigio, corda, visone, ferro, nero .. i colori tendenza del salone del mobile 2009

Tutti mi fanno la stessa domanda… “quali sono le tendenze per la prossima stagione del mobile???? ” la risposta è certa “
 TANTO TANTO LACCATO e  un po’ di noce canaletto, spunta il rovere tabacco e la tavolozza dei colori più che un arcobaleno è una scala di colore dal bianco al grigio scuro…  
salone del mobile 2009 029.jpg
testata laccato e stoffa per le nuove proposte di Jesse al salone del mobile 2009 
salone del mobile 2009 094.jpg
importanti novità per Doimo idea al salone del mobile 2009. E’ nata una partnership con il marchio Marzotto
salone del mobile 2009 034.jpg
si chiamerà “tempo libero” la nuova collezione di complementi di Novamobili
in foto Una madia laccato lucido con porte assimetriche
RIVENDITORE AUTORIZZATO JESSE, DOIMO IDEA, DOIMO NOTTE, NOVAMOBILI
DOMUS ARREDI sas Via Pascoli, 39 Lissone (Mi) tel 039794790

Foglia d’oro , foglia d’argento

L’applicazione della foglia d’oro o d’argento è una delle operazioni più difficili ed deve essere effettuata  da mani esperte. (prestate attenzione alle imitazioni, alle semplici colorazioni con tempere o affini, alle lavorazioni industriali)

La doratura “a guazzo” è un procedimento antichissimo ed affascinante per la doratura del legno. Occorre manualità, delicatezza, tempi adeguati, pazienza e giusti modi di preparazione. In maniera semplicistica la doratura a guazzo consiste nell’applicare la foglia d’oro (la foglia ha uno spessore sottilissimo, occorre maneggiarla con molta cura, toccandola maldestramente è facilissimo romperla e rovinarla definitivamente) su una superficie di legno opportunamente trattata. L’oro, metallo duttile per antonomasia è usato in fogli sottilissimi. L’artigiano deve prima preparare il supporto: dovrà ingessare il fondo usando della colla stendere poi il bolo armeno (un’argilla che serve di base all’oro) e infine colla di pesce per l’applicazione della foglia.Questa tecnica, pur difficile per  la delicatezza del procedimento, è estremamente affascinante.

oro e argento sono stati tra i grandi protagonisti dell’ultimo salone del mobile.. oro e argento sulle forme piu’ classiche ma oro e argento sugli oggetti del design più moderno.. oro e argento in bagno, cucina, soggiorno.  oro argento secondo la tradizione, ma  anche oro e argento di lavorazione industriale. 

altre foto potete visionarle su:

www.areamobili.com

www.domusarredilissone.it 

info e preventivi info@domusarredilissone.it

libreria foglia argento848dbd1ffa0f6a317e473ed28589f274.jpg

5b638082794e354c01a3be1d1d315973.jpg

9589abf3725c2096ff44943ba9c5c190.jpg

 

28598ad362d6dbb79f23bf4c03eb698a.jpg

 

 

 

La storia: Fin dai tempi più remoti, l’oro veniva utilizzato per la creazione gioielli e decorazioni.
Gli antichi egizi erano in grado di ottenere una lamina d’oro  dello spessore di circa 5 millesimi di millimetro per dorare gli oggetti più svariati simulando che si trattasse di oggetti in oro massiccio. In epoche più recenti la tecnica  della doratura è stata riscoperta in Italia nel periodo del  Rinascimento. Nel Rinascimento era utilizzata la tecnica della  lumeggiatura in oro che consisteva nel dorare lo sfondo  mentre le parti in rilievo, spesso intagliate, erano lasciate  in legno naturale. In epoca barocca la doratura era la tecnica più importante e  diffusa. Nel Settecento, anche a causa del diffondersi di nuove tecniche, la doratura subì un ridimensionamento. Al giorno d’oggi l’antiquariato dorato mantiene il suo  fascino e la professione del “doratore” si è fatta preziosa  perchè praticata da pochi.